Cerca

Home

UNA CORSA DA RE : A TUTTA BIRRA ! ! !

Domenica 14 ottobre a Venaria si è svolta la settima edizione di Una Corsa da Re: un evento dedicato a tutti gli amanti dello sport, dell’arte, della natura e della bellezza, organizzato da Base Running con la collaborazione della Regione Piemonte, della Città di Venaria Reale, della Reggia di Venaria e del Parco Regionale La Mandria.

Indubbiamente, l’evento gravita intorno alla Reggia di Venaria, il quinto sito culturale più visitato d’Italia con 1.040.000 visitatori nel 2017. I percorsi, pensati per i runner di tutti i livelli (4 km, 10 km, 21 km e 30 km) si snodano lungo le strade bianche del Parco della Mandria e nei magnifici Giardini della Reggia di Venaria.La manifestazione ha assunto ormai un’importanza internazionale, vedendo alla partenza atleti provenienti da tutta Europa. La Corsa da Re 2018 da 10 km è risultata, altresì, essere la 4^ tappa finale della Maratona Reale (Circuito svoltosi nei parchi delle Regge Sabaude), che è stata un vero successo con migliaia di iscritti.

Il richiamo così regale dev’essere giunto fino al feudo dei Malingri di Bagnolo, tanto che una nutrita rappresentanza di ciambellani e camerlenghi della ns podistica si sono presentati al via della gara maggiore. Nel briefing pre-gara viene concordata una precisa strategia e gli ordini di scuderia sono perentori: 1) partì fòrt; 2) a metà daine mac; 3) a la fin mai molé.Breefing pre gara

Si vede che gli altri concorrenti hanno carpito le nostre intenzioni e al via partono tutti a manetta. Il percorso per la maggior parte sterrato, con diversi strappi in salita e falsi piano, si fa sentire a livello muscolare fin dall’inizio: sarà sofferenza unica ! !

Mi ripeto mentalmente la strategia pre-gara, con probabile inversione dell’ordine, ma ad un certo punto (intorno al 24° km) mi scordo tutto, tranne il “mai molé”: cerco di rispettare almeno questo, arrancando fino alla fine.

terzo tempo con integratore alimentare a base di luppolo, antiossidante

In lontananza si scorge la grandezza della Reggia, preludio del trionfale traguardo, ma invece ci aspetta ancora un labirinto di alcuni km disegnato all’interno del giardini reali, prima di giungere al sospirato arrivo.

Per i real-diavoletti una suntuosa prestazione corale:

  • Boaglio Chiaffredo Claudio, 2h16’21”, class. gen 87;
  • Bonansea Enrico  Maria, 2h21’29”,  class. gen. 128;
  • Bolla Enrico, 2h29’18”,  class. gen. 221;
  • Bruno Sergio, 2h32’58”, class. gen.248;

Falco Patrick, 2h55’11”, class. gen.447.